Carrello
(0 articoli) € 0,00

Non hai articoli nel carrello.

Subtotale: € 0,00

Dioniso - Bacco

Dio della vegetazione, agli inizi, quando con la linfa nutriva le piante, diviene il dio del vino e dell'ebbrezza. Quando il vino annebbia i sensi é allora che la licenza, la smania del vivere, la follia si sprigionano e tengono in loro potere le menti e gli animi dell'uomo. Solitamente é questo l'aspetto che colpisce del dio, e se non l'ubriacatura, certo é l'agricoltura, la coltivazione della vite, il lavoro del contadino che dal lontano Neolitico ha dato agli uomini di che vivere con maggior abbondanza, in realtà ci riporta all'aspetto primigenio del mondo, a quando le forze oscure dell'origine hanno dominato la Terra. Dio straniero, la cui patria é la Tracia, il suo nome forse lo indica come il figlio più giovane, l'ultimo arrivato, si direbbe, del grande Zeus, per altri é il Monte Nisia, dove é stato allevato, a regalargli il nome. E davvero é l'ultimo arrivato sull'Olimpio, nel novero dei dodici dei, i più grandi, i più importanti, e per far posto al giovane Dioniso, dio del vino, Estia, l'antica madre, signora delle coltivazioni, ne é stata allontanata. Ricordiamo che per i Greci il vino induceva il canto e l'amore, anche se il suo eccesso rendeva folli e violenti, ed era il vino che mediava i rapporti tra gli dei e gli uomini.

Recensisci per primo questo prodotto

€ 8,00

Disponibilità: Non disponibile

Dio della vegetazione, agli inizi, quando con la linfa nutriva le piante, diviene il dio del vino e dell'ebbrezza. Quando il vino annebbia i sensi é allora che la licenza, la smania del vivere, la follia si sprigionano e tengono in loro potere le menti e gli animi dell'uomo. Solitamente é questo l'aspetto che colpisce del dio, e se non l'ubriacatura, certo é l'agricoltura, la coltivazione della vite, il lavoro del contadino che dal lontano Neolitico ha dato agli uomini di che vivere con maggior abbondanza, in realtà ci riporta all'aspetto primigenio del mondo, a quando le forze oscure dell'origine hanno dominato la Terra. Dio straniero, la cui patria é la Tracia, il suo nome forse lo indica come il figlio più giovane, l'ultimo arrivato, si direbbe, del grande Zeus, per altri é il Monte Nisia, dove é stato allevato, a regalargli il nome. E davvero é l'ultimo arrivato sull'Olimpio, nel novero dei dodici dei, i più grandi, i più importanti, e per far posto al giovane Dioniso, dio del vino, Estia, l'antica madre, signora delle coltivazioni, ne é stata allontanata. Ricordiamo che per i Greci il vino induceva il canto e l'amore, anche se il suo eccesso rendeva folli e violenti, ed era il vino che mediava i rapporti tra gli dei e gli uomini.

Ulteriori informazioni

Storia Antica Grecia
Autore Borghesani Giuliana
ISBN 9788899398262
Pagine 78
Lingua Italiano
Copertina Brossura
Rilegatura Fresata
Anno di pubblicazione 2019
Casa Editrice Dielle Editore

Recensioni utente

Scrivi la tua recensione

Solo gli utenti registrati possono inserire recensioni. La preghiamo di, effettuale il login o registrarti